Benvenuti..

Benvenuti..

Lettura Della Mano

LE NOSTRE MANI CON LE LORO MISTERIOSE LINEE CI HANNO SEMPRE AFFASCINATO, MA OLTRE AL "DESTINO" RACCONTANO MOLTO DELLA NOSTRA PERSONALITA'..
E UN PO' ALLA VOLTA  VI SVELERO' COSA CI RACCONTANO

INIZIAMO CON LE SUE FORME

 QUADRATA 

Detta anche "mano utile o pratica", è tipica dei soggetti realisti, equilibrati e di forte dirittura morale. È caratteristica, di solito, delle persone instancabili nel lavoro, dotate di forte senso del dovere, attorno al quale fanno ruotare tutta la loro esistenza. Sono persone che si rispecchiano nei valori sociali, devoti alla famiglia, leali con gli amici e generosi senza essere, però, dissipatori. Questi individui sanno tener testa alla sventura e risorgere dalle loro ceneri, dando prova di adattabilità, ma anche di capacità di rinuncia e di sacrificio. Riescono bene generalmente, in tutte le professioni che rimandano, per certi aspetti, al lavoro artigianale: per esempio, ingegneria, biochimica, ricerca di laboratorio, chirurgia plastica e trapianti. Sanno essere inoltre, ottimi meccanici, agricoltori e operai. Vivono l'amore come un rito naturale, necessario all'equilibrio psicofisico, sfrondato da romanticismi. Rispettano il partner usandogli lealtà e sincerità, sono potenzialmente dei buoni genitori, ma piuttosto esigenti e severi. Godono di ottima salute, se riescono a stare alla larga dalle tentazioni della gola.
A volte, una mano quadrata, grande, snodata e forte può nascondere il temperamento di un "capo" che, all'occorrenza, sa essere aggressivo e temibile, pur se capace di mitigare la forza con la ragione e l'impulsività con la volontà. Robusti per natura, essi sono capaci di tenere a bada le malattie con la forza del carattere, ma possono soffrire di disturbi gastrici, quando si sottopongono ad un eccessivo autocontrollo.


RETTANGOLARE 

La mano di forma rettangolare, specialmente se è lunga, morbida ed espressiva, ci fa pensare a una persona armonica nel suo modo di essere e di agire, ottimista, dinamica, creativa e spesso raffinata. Tale quindi, da destare attorno a sé, qualche invidia e gelosia per le sue doti più appariscenti, che sono l'eloquenza e la simpatia. Quando è asciutta e nodosa, questa mano può appartenere a persone di tipo diverso, distaccate dalle ansie del vivere quotidiano e dedite piuttosto alla riflessione o alle attività intellettuali, nelle quali eccellono, non solo per la potenza della mente, ma anche per la capacità di giudizio e di discernimento. Il rovescio della medaglia, però, può consistere nell'infedeltà per il primo tipo e nella sospettosità e nell'avarizia per il secondo, il cui carattere solitario conduce spesso all'intolleranza e all'isolamento. Riguardo alla salute, il punto debole dei primi sono gli occhi e i reni e quello dei secondi sono l'apparato digestivo e la struttura ossea.



A SPATOLA  

Detta anche "mano attiva o necessaria", presenta dita corte e appiattite alle estremità, che le danno un aspetto allargato. Questa mano è propria quasi sempre, di una persona dal carattere multiforme, più spesso gradevole, dolce e conciliante, a volte sfuggente, generalmente versata alla politica, perché capace di trarre profitto da ogni situazione. Se il palmo tende ad essere più largo alla base delle dita e va restringendosi nella parte inferiore, trattasi di persona dalla natura inquieta, amante del movimento e dell'azione, con idee moderne e futuristiche o addirittura anticonformiste.



CONICA 

Se le dita sono lunghe e danno alla mano una terminazione stretta, per tale forma la mano è detta conica o artistica. Essa, contrariamente al proprio nome, non appartiene necessariamente ad artisti, ma, in linea di massima, a coloro che presentano inclinazioni verso l'arte e verso il bello. Si presenta di medie dimensioni e senza nodi, le dita sono armoniose, proporzionate e terminano solitamente a punta. Gli individui a cui appartiene questa mano, hanno in genere mille interessi, sono simpatici, emotivi, curiosi, ottimisti e dinamici. Si entusiasmano facilmente, ma si deprimono con altrettanta facilità, ricercano l'imprevisto, la novità e il sensazionale. Spesso, sanno apprezzare appieno i piaceri della vita, compresi quelli del sesso e della sregolatezza in genere.



NODOSA 

Detta anche "mano filosofica", è generalmente lunga ed angolosa, con dita altrettanto lunghe ed elastiche, unghie anch'esse lunghe e rotonde. Inoltre, se il pollice è grande, indica riflessività e propensione per i problemi spirituali. In linea di massima, chi possiede questa mano ha una personalità forte e limpida, una coerenza sorprendente tra idee ed azione, è attratto dalla cultura, ha una voce gradevole e sa rendere la conversazione sempre piacevole e divertente. Detesta la banalità e tutto ciò che è comune, ama distinguersi dalla massa ed è soddisfatto, solo quando lo si definisce un "tipo particolare". È spesso attratto dal mistero e dalle scienze occulte, dalle quali riesce a trarre la spinta necessaria alla sua evoluzione interiore, di cui sente un ardente bisogno. Questo tipo di mano appartiene, in genere, a filosofi, scrittori, professori, sacerdoti e a coloro che hanno la tendenza alla speculazione intellettuale.



AFFUSOLATA

Detta anche "mano a punta o psichica", appare ben proporzionata ed armoniosa. Esteticamente è la mano più bella e meno comune, ma anche la più difficile da interpretare. Il palmo è stretto ed ovale, le dita lunghe, senza nodi e lisce, unghie ben fatte, lunghe ed ovali. Il carattere di chi possiede questa mano è in genere difficile, bizzarro e sfugge alla comune comprensione. Tali persone sembrano distaccate dagli interessi materiali, attratte dal misticismo e dalla poesia, tendono ad una vita contemplativa e dedita all'altruismo. Esse si sentono pienamente realizzate, in attività che richiedono l'applicazione delle loro doti naturali; non di rado i pittori, i poeti e gli scultori possiedono questo tipo di mano.



 
 
 La forma delle dita ci fornisce una serie di elementi molto importanti per l'interpretazione della personalità.. vediamo come
DITA LUNGHE
Pazienza, meticolosità, sottigliezza, suscettibilità, amore per il dettaglio, per la ricerca e l'etichetta.

DITA CORTE
Impazienza, tendenza ad affidarsi all'istinto e all'intuizione; inoltre, denotano estrema rapidità di pensiero capacità di sintesi.
 
DITA SPESSE
Sensualità, superficialità, inclinazione al piacere e tendenza a godere di tutti i 
 piaceri materiali.
DITA SOTTILI
Idealismo, creatività, misticismo e ingenuità, distacco dal mondo materiale.
DITA NODOSE 
Razionalità, metodicità, intellettualismo e costanza.
DITA AFFUSOLATE
Sensibilità, raffinatezza, disponibilità e gentilezza.

ORA VEDIAMO UNA AD UNA LE DITA E IL LORO SIGNIFICATO!


IL POLLICE

Il pollice fornisce indicazioni importanti sul carattere delle persone. Molto aperto rispetto al palmo, indica arrivismo; poco aperto, invece, insicurezza. Con la falange unghiata rivolta all'indietro (arcuata), esprime volontà di ferro; rigido e corto significa pigrizia mentale, ma anche sicurezza. Una falange unghiata più lunga dell'altra indica caparbietà e capriccio. Tutte le falangi, a loro volta, sono ricamate da segni, che hanno ciascuno un significato per la lettura della mano. Ottimi sono i segni verticali, che denotano sempre, accentuazione positiva delle qualità attribuite ad ogni falange. Invece, le croci sono segno di dissipazione di quelle qualità o di ostacoli nel realizzarle.
Il pollice si dice normale, quando vi è armonia tra le due falangi: in questo caso è indice di maturità e di equilibrio, tra volontà e logica. Il pollice lungo indica esuberanza, talvolta impazienza, vitalità e intolleranza. Ma può anche essere espressione di autocontrollo, senso pratico e realismo, profonda intelligenza e volontà. Un pollice corto è infine indice di ipersensibilità, impulsività e inibizioni, che spesso ricadono sulla vita sentimentale e sessuale. 

L'INDICE

Si dice normale quello tipico dei temperamenti ambiziosi, perfezionisti, estroversi ed attivi. L'indice corto caratterizza i tipi modesti, non troppo decisi e attivi, riservati, un po' introversi, in grado però, di manifestare qualità insospettate. L'indice lungo è tipico di caratteri forti, talvolta egocentrici, vanitosi ed esibizionisti. È detto anche "dito di Giove o dell'ambizione".
Se la sua prima falangè lunga, indica la tendenza a dominare l'ambizione e l'orgoglio. Se la sua prima falange è corta, trattasi di personalità scettica, irrequieta e legata all'esteriorità. Una seconda falange lunga indica senso estetico pronunciato, dinamismo ed energie intellettuali. Una seconda falange corta indica pigrizia. Una terza falange corta è invece caratteristica di coloro che amano il quieto vivere, ma anche di apatia.

IL MEDIO

Detto anche "dito di Saturno", un medio di lunghezza normale è indizio di tendenza all'introspezione. Un medio corto indica passionalità, impulsività e talvolta incoerenza. Un medio lungo è indice di temperamento malinconico, solitario, riflessivo e prudente. Una prima falange, più lunga delle altre due, indica serietà, realismo, prudenza nell'agire. Una prima falange corta vuol dire rassegnazione, assenza di aggressività ed equilibrio.
Una seconda falange, più lunga delle altre due, è indice di amore per la natura e per le scienze esatte. Una terza falange lunga significa avidità, avarizia, possessività ed egocentrismo; una terza falange corta indica predisposizione al risparmio e all'economia, nonché adattabilità e socievolezza.

L'ANULARE
Detto anche "dito di Apollo". Uno normale significa amore per l'arte, gusto raffinato, sensibilità, idealismo ed intuito. L'anulare corto è indice di introversione, riflessività, di una certa lentezza nelle decisioni, ma anche di praticità e realismo. L'anulare lungo è indizio di estro artistico, caratterizza le persone originali, disordinate, incontrollate nelle passioni e nelle decisioni, ambiziose e alla ricerca della celebrità, fondata su effettive doti artistiche. Si dice anulare "conflittuale" quello che si inclina verso il medio. Esso denuncia il perenne conflitto tra piacere e dovere, conformismo e libertà, vissuto da una persona che può attraversare periodi di sconcerto, cedendo ora all'uno, ora all'altro di questi impulsi opposti.

IL MIGNOLO

Detto anche "dito di Mercurio", se è di normali dimensioni, indica ricettività, forza di volontà, capacità di imporsi intellettualmente, di esprimere se stessi e di influenzare positivamente il prossimo. Il mignolo corto appartiene a chi è dotato di adattabilità, intuito, rapidità d'azione, memoria pronta, carattere aperto e leale; indica anche personalità influenzabile, suggestionabile; è anche indizio di una certa ingenuità che induce facilmente, ad essere ingannati. Il mignolo lungo invece, è proprio di persona dotata di intelligenza viva, acuta, dalla personalità indipendente e ricca di forza e di energia, con uno spiccato interesse per la ricerca, incline allo studio e dotata di una notevole apertura mentale. Il mignolo si dice "aggressivo" quando è poco disteso e ripiegato verso il palmo. È tipico di chi vive sempre con un atteggiamento di diffidenza e di difesa e gioca il tutto per tutto, per conseguire i suoi vantaggi, perché è governato dalle passioni materiali.


 
 Importante quanto l'osservazione del palmo, è l'analisi del dorso della mano. In base al suo aspetto, si possono delineare otto fondamentali tipi di temperamento: dinamico, impaziente, volitivo, passionale, astuto, equilibrato, gioviale e riflessivo.

 
DINAMICO

Si è in presenza di un carattere definito "dinamico", quando è rilevabile, da un'osservazione del dorso, una breve curva sul taglio della mano, associata a un dito anulare lungo come il medio.
Carattere: Ricco di sfaccettature, è il carattere di questa persona. È fedele nelle amicizie e mantiene sempre la parola data. A volte è volubile in amore, spesso egoista e nel lavoro; è decisamente un arrivista.





IMPAZIENTE

È definibile "impaziente" chi ha la curva del taglio ampia. La si rileva dal polso all'indice ed è associata a un pollice corto, poco aperto.
Carattere: È un individuo dall' intelligenza superiore alla media, con una spiccata fantasia e con la capacità di riuscire a fare qualsiasi cosa. Spesso è soggetto a continui cambiamenti d'umore e talvolta, è pigro.












VOLITIVO

Se il taglio è diritto e presenta una breve angolatura alla radice del mignolo, se il pollice è lungo e rigido e l'indice è corto e leggermente incurvato, verso il dito medio.
Carattere: coraggioso e sprezzante del pericolo, il nostro soggetto è anche un tipo molto protettivo del suo ménage familiare; sul lavoro, a volte, è uno stacanovista.








PASSIONALE

Se il taglio della mano profila un arco corto e accentuato sopra il polso, accompagnato da un pollice robusto e incurvato e da un dito medio, corto come l'indice.
Carattere: Il suo fascino è magnetico, ma è anche un individuo subdolo ed aggressivo; talvolta è presuntuoso e pieno di sé. È quasi sempre malato di narcisismo.



ASTUTO

Se il taglio della mano è rigorosamente diritto e asciutto, il pollice è sottile e fortemente incurvato in fuori, le dita sono nodose e l'indice è molto lungo.
Carattere: Trattasi di una persona versatile e dotata di un spiccato senso del humour, spesso è un bravo attore comico o un brillante presentatore televisivo.










 

 EQUILIBRATO

Quando il dorso presenta un taglio regolare, appena ricurvo e attaccato a un polso robusto, con il dito medio molto lungo, il pollice grosso e alto, cioè si diparte, molto vicino all'indice.
Carattere: La sua caratteristica principale è la pazienza. Dimostra di essere un grande lavoratore e un amante della famiglia, della giustizia e della pace. Infine, è un risparmiatore, con una leggera punta d'avarizia.




GIOVIALE

Se il taglio della mano è armonicamente ricurvo, il pollice è rivolto verso l'esterno e il medio appare lungo, rispetto a tutte le altre dita.
Carattere: È un individuo intransigente e spesso irritabile, molto attivo ed intraprendente nel lavoro, in cui riesce a meraviglia. Potrebbe dirigere alberghi, ristoranti o agenzie di viaggio ed è anche portato per l'arte e per la musica.







RIFLESSIVO

Se il taglio presenta una leggera curva verso il palmo e se le dita si presentano nodose e piegate verso il medio, che è decisamente lungo.
Carattere: Molto riflessivo e saggio, ama gli studi introspettivi. Potrebbe essere tranquillamente un filosofo, ma anche un eremita. In questo ultimo caso, il dorso con la sua specificità è indizio di una carattere decisamente rivolto "in interiore homine".



  

L'aspetto dell'unghia indica le deficienze organiche, le predisposizioni alle malattie e lo stato di salute, ma è anche strettamente collegata al carattere e al temperamento. 
LA FORMA
 A MANDORLA
Indica raffinatezza, forte emotività, romanticismo e nervosismo. 










ROTONDA
Indica permalosità, polemicità, orgoglio e realismo.










QUADRATA

Indica irritabilità, intraprendenza, istintualità e operosità.







LA MEZZALUNA

PICCOLA
Indica problemi di pressione e di circolazione, instabilità.







MEDIA
Indica ottimo equilibrio fisiologico e buonsenso.







GRANDE
Indica tachicardia, nervosismo, ipersensibilità e irritabilità.









LA LAMINA

NORMALE

Indica equilibrio, coerenza, vigore e buona salute.










ROSICCHIATA
Indica insicurezza, ansietà, timidezza ed emotività.








RICURVA
Indica ambizione, egocentrismo, vanità e arroganza.










STRIATA
Indica errori alimentari, mancanza o eccesso di calcio.












RIGATA
Indica debolezza intestinale e tendenza allo stress.









Le linee della mano rivelano le forze vitali, intellettive e sentimentali insite in ogni essere umano. Imparare a leggerle può voler dire, riuscire a valorizzare quelle potenzialità latenti, di cui spesso non si è consapevoli. 


LA LINEA DELLA VITA

Nasce sul taglio della mano, sotto il monte di Giove e scende verso il polso, descrivendo una curva attorno al monte di Venere ( la base del pollice ). Una linea lunga e ben delineata è indice di vitalità, di equilibrio e di notevole resistenza agli sforzi, sia fisici che psicologici. Essa indica inoltre, un carattere sereno e capace di trarre dalla vita il giusto insegnamento. Discontinua ed irregolare denota invece, una certa incostanza e una propensione a disperdere le energie in mille rivoli, senza riuscire spesso a concretizzare i progetti avviati. Denota inoltre incostanza, tendenza a continui sbalzi d'umore e quindi una certa facilità a cadere in situazioni di forte stress psicofisico. Una linea pallida e larga denuncia l'incapacità di trovare un giusto equilibrio con se stessi e un carattere non sufficientemente forte. Grossa rivela eccessiva esuberanza, che può a volte condurre all'impulsività incontrollata e ad una marcata passionalità. Una linea molto lunga esprime una tendenza agli eccessi, spezzata significa il superamento di un periodo di crisi. Quando il tracciato della linea è poco marcato e sbiadito può presagire nervosismo e anche salute un pò cagionevole. Bella è, invece, la linea doppia, perché esprime potenza sessuale e forte vitalità. 

LA LINEA DEL CUORE

La linea del Cuore parte tra l'indice e il medio, tracciando un arco sotto i monti di Saturno ( base del medio ), del Sole ( base dell'anulare ) e di Mercurio ( base del mignolo ). Essa fornisce indicazioni sulle capacità affettive, quindi sull'amore, l'amicizia e l'altruismo. Una linea regolare e ben tracciata indica bontà d'animo, generosità, sensibilità e quindi una grande propensione ai rapporti interpersonali, oltre ad una certa facilità a raggiungere la felicità in amore. Una linea irregolare rivela amori discontinui e mancanza di equilibrio affettivo; se è spezzata, è indice di infedeltà. Una linea molto lunga, che attraversa la mano in senso orizzontale, denuncia aridità d'animo e irascibilità. Se è molto lunga e sorpassa il taglio della mano, denota un temperamento molto passionale, facile preda della gelosia. Al contrario, se è molto corta, segnala una mente razionale e calcolatrice. Disegnata in alto, molto vicina ai monti, è indizio di ambiguità e impulsività; tracciata in basso vicino alla linea della testa, esprime altruismo e capacità di dedizione. Quando è dritta, rivela freddezza e poca apertura nei confronti del sentimento. Se è eccessivamente ricurva, segnala eccessi di sensibilità e di sentimentalismo. 
 
LA LINEA DELLA TESTA

La linea della Testa nasce vicino o insieme a quella della Vita e si dirige verso il taglio della mano. Vi si leggono i segni relativi all'intelligenza, all'attenzione, alla memoria e alle attitudini mentali in generale. Nella linea della Testa sono fondamentali, sia l'andamento che il tracciato della linea.
Andamento: quando la linea è orizzontale, esprime una buona propensione alla logicità, alla praticità, alla capacità analitica e anche una buona memoria; diretta verso l'alto, è spia di una mente fredda e calcolatrice; se piega verso il basso, indica fantasia e creatività, ricchezza di inventiva e di immaginazione. Se la linea della Testa discende fino a raggiungere il monte della Luna, segnala spiccate qualità artistiche, estrosità, noncuranza delle regole formali.
Nei rari casi in cui essa presenta un andamento ondulato rivela vanità, ipocrisia e superficialità. Tracciato: oltre l'andamento, anche il tipo di tracciato è carico di significati. Una linea regolare e ben tracciata, tendente verso il monte di Marte indica intelligenza, equilibrio mentale e una buona capacità di convogliare le proprie energie verso progetti che trovano quasi sempre la loro realizzazione. Una linea lunga e regolare rivela anch'essa buone capacità intellettuali, elasticità mentale, emotività e buona memoria. Denota anche precisione e razionalità: tutte qualità che lasciano presagire ottime probabilità di successo nel campo del lavoro.
Una linea irregolare e discontinua denuncia una facile tendenza alla depressione.
Una linea poco marcata e sottile indica scarsa capacità di concentrazione; troppo lunga è segno di svogliatezza, troppo profonda segnala inclinazione al perfezionismo, che può sfociare con facilità nella pedanteria.
Un tracciato a catena esprime una volontà debole e influenzabile dalle opinioni altrui. Esprime inoltre, scarsa memoria e tendenza alla depressione.

LINEA DEL DESTINO
 
La linea del Destino (o di Saturno) è chiamata anche linea della Fortuna perché marca il tracciato della nostra sorte e, quindi, della nostra fortuna. Essa taglia in due il palmo della mano, salendo diritta dalla Valle di Nettuno fino alla radice del dito medio. Indica la capacità di realizzazione nel lavoro, segnala l'impegno che sappiamo mettere nei progetti da portare a termine, ma può rivelare gli avvenimenti imprevisti che il fato ci riserva. Quando la linea del Destino è lunga, si stacca dalla base del palmo e procede con tracciato netto, diritta fino al monte di Saturno, predice il successo nelle attività intraprese, e in alcuni casi la fama. Indica inoltre, capacità di raziocinio, equilibrio e un'intelligenza decisamente pratica. Se il percorso è troppo marcato, segnala l'incapacità di fronteggiare gli imprevisti; se è debole e sfilacciato indica insicurezza e influenzabilità, crisi provocate del contrasto fra l'istinto e la ragione. Un tracciato corto, che prende avvio dalla piana di Marte, rivela delle difficoltà iniziali nel raggiungimento di rilevanti risultati economici, che potranno essere conseguiti solo con grandi sforzi. Un tracciato che si ferma presso la linea della Testa è quasi sempre indice di un'adolescenza vissuta subendo l'autorità degli adulti e riscattata con sforzi e ribellioni. Una linea del Destino che inizia dalla linea della Vita indica un carattere indipendente e forte, e il soggetto in esame si rivelerà unico e autentico fautore del proprio destino. Una linea che ha origine dal monte di Venere denota che la vita del soggetto in esame ha subito l'influenza forte e costante della famiglia, per cui non gli sarà facile crearsi una propria indipendenza. Una linea del Destino che ha origine dalla linea della Testa è piuttosto rara ed indica che il soggetto in questione raggiungerà il successo o, più semplicemente, riuscirà sul lavoro, grazie alle sue capacità intellettuali.

LA LINEA SIMIANA

In rari casi, le due linee, Testa e Cuore, coincidono e formano una sola linea detta Simiana. Questa linea, proprio per la sua rarità, è un segno molto fortunato, che denota grande capacità di concentrazione mentale, potenza di immaginazione, che secondo la tradizione può portare a volte, anche alla chiaroveggenza.


 
Il significato delle altre linee, è ancora molto legato alle antiche interpretazioni tradizionali. Per la difficoltà della loro osservazione, esse non possono offrirci tanto un panorama completo, quanto delle pure e semplici indicazioni.





LINEA DEL SOLE

La linea del Sole è una delle linee più rare e fortunate. Essa nasce dalla base del palmo e sale verso l'anulare. Comparendo quasi sempre mascherata tra le altre linee, è spesso difficile da identificare con sicurezza. Essa completa le indicazioni fornite dalla linea del Destino, ponendo l'accento sulle qualità creative e mentali della persona. Un tracciato regolare è raro a vedersi e appartiene a persone destinate ad avere successo in ogni campo e portate per le pubbliche relazioni e le attività artistiche, dalla musica alla pittura e allo spettacolo. Una linea del Sole che ha origine dalla linea della Vita e procede poi, ben marcata e senza interruzioni, significa che la famiglia potrà agevolare il successo nella carriera lavorativa. Se la linea ha origine dal monte della Luna, significa invece, che il successo è possibile ottenerlo grazie all'intervento di persone influenti oppure, più in generale, è indice di aiuti insperati. Più spesso la linea del Sole si trova tratteggiata. Disegnata a tratti, ma per tutta la sua lunghezza, significa che non si teme la sorte e si può giungere anche a sfidarla, ad esempio, attraverso il gioco d'azzardo. Quando invece è spezzata nettamente, bruscamente interrotta e troncata nel suo percorso, predice alti e bassi nella fortuna: successi e cadute, ricchezze e ristrettezze, amori e abbandoni. Se parte presso la linea della Testa e attraversa nettamente il monte del Sole, lascia presagire la piena realizzazione di sé in età matura, grazie all'abilità di cogliere le buone occasioni che si presentano. Quando la linea del Sole è presente solo nella mano destra, indica una persona incontentabile ed ambiziosa, mai paga del proprio successo.
 

LINEA DI MERCURIO

La linea di Mercurio è l'ultima del ventaglio disegnato sul palmo della mano. Nasce più o meno in basso, nell'area della valle di Nettuno, dirigendosi poi, verso il dito mignolo. È la linea degli affari, dell'eloquenza e della salute: quanto più si presenta lunga, morbidamente arcuata e ininterrotta, tanto più queste tre qualità saranno concesse dalla sorte in abbondanza. Se la linea è dritta e tesa, denota pignoleria, curiosità e cocciuta tenacia nel perseguire gli scopi prefissi. Se mostra un percorso serpentino, significa astuzia e diffidenza; se è doppia, promette vincite al gioco e guadagni.
Se si ferma al di sotto della linea del cuore, la persona che la possiede sarà dotata di grande intuito e potrà avere in alcuni casi, anche il dono della premonizione.


CINTURA DI VENERE

La cintura di Venere è una linea che traccia un arco o un anello sotto i monti di Saturno e del Sole, mantenendosi sopra la linea del Cuore. Considerata un tempo segno di dissolutezza, è oggi rivalutata pienamente nel suo significato di generosità, calore umano e, dal punto di vista delle relazioni affettive, esprime quindi una sana e gioiosa sessualità. Qualunque siano la lunghezza e il tracciato, questa linea è un segno di fortuna. Quando è ben disegnata, rivela una vita sessuale equilibrata. Se l'anello è doppio o triplo o comunque molto marcato, indica una forte sensualità.
 

LINEA DI GIOVE

La linea di Giove, o del Comando, compare nel ventaglio delle linee che si dirigono verso i monti planetari (Giove, Saturno, Sole, Mercurio). Essa parte della valle di Nettuno e sale verso il dito indice, ora accompagnando ora attraversando la linea della Vita. È raro però che la linea di Giove si presenti nella sua interezza, perché quasi sempre si interrompe e si maschera in frammenti, che si perdono tra i segni che solcano le linee della Testa e della Vita, tanto che la chirologia e la chiromanzia tradizionali l'hanno presa raramente in considerazione. Tale linea però concerne qualità, che rendono le persone adatte al comando e all'assunzione di responsabilità: autocontrollo, orgoglio, abnegazione, temperanza e saggezza.
In particolare: se la linea è presente solo nella valle di Nettuno, indica la possibilità di ottenere una fama improvvisa; se corre a contatto con la linea della Vita, può essere indice di grande diplomazia; se è presente solo nell'ultima parte del percorso, sopra la linea della Testa, è segno di orgoglio e di successo ottenuto con molti sacrifici. Quando il tracciato compare solo all'interno della linea della Vita, si devono temere disinganni e impedimenti alla realizzazione delle proprie ambizioni. Nei rari casi in cui la linea di Giove arrivi a toccare l'attaccatura del dito indice, il carattere della persona è incline a un eccessivo orgoglio e ad una sopravvalutazione di sé, fino a perdere, in alcuni casi, il senso dei propri limiti.


RASCETTE

Le Rascette sono le pieghe del polso. Si presentano di solito in numero di tre. Ciò che conta però, non è il loro numero, ma il tracciato, che fornisce alcune indicazioni riguardanti la salute. Un tracciato il più possibile netto e ben inciso, conferma un'ottima salute e indica la presenza di buone difese immunitarie. Quando invece il tracciato è incerto, interrotto, formato da numerose lineette che si accavallano, lascia presagire una caduta occasionale delle difese immunitarie, con la conseguente facile esposizione ai malanni stagionali. Se la Rascetta interna, quella vicino al palmo della mano, si incurva verso quest'ultimo, in una donna si devono temere disturbi ginecologici, in un uomo prostatici. L'interruzione netta di una o più Rascette è presagio di artrite nell'età avanzata.
 

LINEA DEGLI AFFETTI

La linea degli Affetti incide il monte di Mercurio partendo dal taglio della mano. Più essa è netta e profonda, più si è inclini ad amare intensamente e fedelmente per tutta la vita. Se la linea è doppia, tale intensità nell'amore, non supportata dalla fedeltà, potrebbe trovare sbocco in due amori portati avanti anche contemporaneamente.


LINEA DEL MATRIMONIO

La linea del Matrimonio si trova nella posizione della precedente, ma più vicina alla linea del Cuore. Per vederla, spesso è necessario piegare il mignolo verso il palmo. Un tracciato netto e ben inciso lascerebbe presupporre un matrimonio felice; se superficiale o interrotto invece, un matrimonio burrascoso. Due o più tracciati indicano, come nella linea degli Affetti, infedeltà e insofferenza, nei confronti dei difetti del partner.
 

LINEA DEL CELIBATO

La linea del Celibato è rara ed avvolge a semicerchio la radice del mignolo. Denota una forte incapacità di legarsi a qualcuno, con la conseguente scelta, volontaria o meno, di rimanere single.
 

LINEE DEI FIGLI

Le linee dei Figli sono brevi tratti orizzontali, tracciati sotto la radice del mignolo, sul taglio della mano. Come dice il loro nome, esse danno indicazioni relative ai figli. Contrariamente però a quanto si crede, il loro numero non corrisponde al numero dei figli che si avranno. È il loro tracciato invece, che rivela la potenzialità di procreare. Infatti, se esse sono rinforzate da linee analoghe situate sul monte di Giove, si può essere certi di avere discendenti. Barre o croci che le attraversano rappresentano al contrario, gravidanze difficili o disturbi legati alla sessualità.
 

LINEA DI SOSTEGNO AI PARENTI

La linea di Sostegno ai Parenti attraversa obliquamente la mano dal monte di Venere a quello di Mercurio. Segnala la predisposizione a prendersi cura dei familiari, in caso di bisogno e, nei casi più forti con linee molto marcate, tale predisposizione assume una veste ancora più importante, fino a rivelare nella persona una vera e propria "vocazione del samaritano", di colui cioè, che dedica la propria vita ad aiutare il prossimo.


ANELLO DI SALOMONE

L'anello di Salomone, chiamato anche della Saggezza, circonda come una mezzaluna la radice dell'indice. Salomone era, com'è noto, un esempio di saggezza. Chi possiede l'anello che da lui prende il nome, sarà particolarmente portato alla ricerca e a fare buon uso del sapere che ne consegue. È ritenuto anche segno di predisposizione all'approfondimento di problemi religiosi e spirituali.
 

ANELLO DI SATURNO

L'anello di Saturno circonda la base del dito medio. In una persona che ama l'indipendenza e la libertà è presagio di solitudine e di pessimismo.


~ 1 commenti: ~

Manuela Fraboni says:
at: 21:49 ha detto...

complimenti complimenti complimenti sia per la grafica che per il contenuto... bravissima..... !!!! e ... perfettamente in linea.. con la mia personalità. complimenti ancora

~ Posta un commento ~

Vi aspettiamo!